logo ger 2.0

 
 


Notizie

1 October 2014

ASSOMAC a colloquio con le Istituzioni a Roma

ASSOMAC LOGO

 

 

 

 

 

Giuseppe Tripoli, Direttore Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi del Ministero dello Sviluppo Economico e Roberto Luongo, Direttore Generale dell’Agenzia ICE, hanno incontrato a Roma i vertici di ASSOMAC (Associazione Nazionale Costruttori Italiani Macchine ed Accessori per Calzature, Pelletteria e Conceria).

Lo scopo di questo importante incontro era quello di focalizzare l’attenzione delle istituzioni su alcuni punti fondamentali all’interno del settore, per la cui salvaguardia urge un intervento deciso e univoco.
Queste le istanze analizzate:

COMPETITIVITA
Mantenimento della competitività internazionale delle imprese italiane e del sistema manifatturiero nazionale.
Dalla decrescita dei consumi dei mezzi di produzione nazionali, e dai sempre maggiori investimenti da parte dei competitor esteri, nasce la necessità di intervenire con azioni che incentivino il cambio dei mezzi di produzione con un’età superiore ai 20 anni, anche per adeguare le fabbriche italiane agli standard europei di rispetto dell’ambiente, risparmio energetico e sicurezza.

PROMOZIONE
Maggior coordinamento delle attività promozionali all’estero, oggi eccessivamente diffuse su una pluralità di Istituzioni, con conseguente sovrapposizione di iniziative.
ASSOMAC è da sempre in prima linea in attività che promuovono le aziende italiane all’estero, con questa istanza l’Associazione richiede una collaborazione sinergica con lo stesso Mnistero dello Sviluppo Economico e con l’Agenzia ICE, dirette particolarmente ai mercati strategici per il settore, come Cina, India, Brasile, Indonesia, Iran, Russia e Vietnam.
L’ideale sarebbe l’erogazione di fondi atti a garantire l’armonizzazione dell’immagine del “Made in Italy”.

MADE IN ITALY
La necessità che il Consiglio UE ratifichi l’importante decisione relativa al “Made in” obbligatorio prima della fine del semestre di presidenza italiana.
L’Associazione ha segnalato l’importanza che tale decisione riveste per l’intero sistema calzaturiero italiano, per il quale sarebbe altrimenti una grande occasione mancata per il rilancio della manifattura non solo italiana ma anche europea.

La volontà, secondo quanto espresso dai rappresentati istituzionali, è e rimane quella di continuare a sostenere l’Associazione in termini concreti, riconoscendone l’impegno e il ruolo fondamentale nell’industria manifatturiera italiana.






0 Commenti


Be the first to comment!


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


The Latest